Slide 1
Slide 2
Slide 2

Corso di formazione dei lavoratori - Parte "specifica" - Aggiornamento

OBIETTIVI DEL CORSO

Il corso ha l’obiettivo di fornire le conoscenze specifiche (sui rischi tipici del settore ) necessarie ai lavoratori per lo svolgimento della propria attività lavorativa in base a quanto previsto dall’ art. 37 del D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81, secondo i contenuti e le durate previste dall’ Accordo Stato Regioni del 21/12/2011.

DURATA

Aggiornamento Formazione specifica: in base alla classificazione di settore (minimo):

  • Aggiornamento - Rischio Basso: 6 ore
  • Aggiornamento - Rischio Medio: 6 ore
  • Aggiornamento - Rischio Alto: 6 ore

DESTINATARI

Aggiornamento per tutti i lavoratori cosi come previsto dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81, secondo i contenuti e le durate previste dall’ Accordo Stato Regioni del 21/12/2011.

CALENDARIO SESSIONI IN AULA

Tipologia Validità Ore
Aggiornamento Formazione lavoratori - Rischio Basso 5 anni 6 Contattaci

Tipologia Validità Ore
Aggiornamento Formazione lavoratori - Rischio Medio 5 anni 6 Contattaci

Tipologia Validità Ore
Aggiornamento Formazione lavoratori - Rischio Alto 5 anni 6 Contattaci

CORSO ON LINE

Tipologia Validità Ore
Aggiornamento Lavoratori - Rischio Basso 5 anni 6

Tipologia Validità Ore
Aggiornamento Lavoratori - Rischio Medio 5 anni 6

Tipologia Validità Ore
Aggiornamento Lavoratori - Rischio Alto 5 anni 6

COME ISCRIVERSI AI NOSTRI CORSI

Contattaci per ricevere informazioni sulle modalità di iscrizioni al corso: tel: 081414555 mail: sicurezza@medasservice.it

CONTESTO NORMATIVO

D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 “Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”.

Accordo Stato Regioni del 21/12/2011.

PROGRAMMA

AGGIORNAMENTO FORMAZIONE SPECIFICA SUI RISCHI TIPICI DEL SETTORE

  • Rischi infortuni,
  • Meccanici generali,
  • Elettrici generali,
  • Macchine,
  • Attrezzature,
  • Cadute dall’alto,
  • Rischi da esplosione,
  • Rischi chimici,
  • Nebbie, oli, fumi, vapori, polveri,
  • Etichettatura,
  • Rischi cancerogeni,
  • Rischi biologici,
  • Rischi fisici,
  • Rumore,
  • Vibrazione,
  • Radiazioni,
  • Microclima e illuminazione,
  • Videoterminali,
  • DPI,
  • Organizzazione del lavoro,
  • Ambienti di lavoro, 
  • Stress lavoro-correlato,
  • Movimentazione manuale dei carichi,
  • Movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi di trasporto), segnaletica,
  • Emergenze,
  • Le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico,
  • Procedure esodo e incendi,
  • Procedure organizzative per il primo soccorso,
  • Incidenti e infortuni mancati,
  • Altri rischi.

 

Alcuni dei nostri clienti

News ed approfondimenti

Centrale Idroelettrica di Suviana: Cinque Morti, Cinque Feriti e Due Dispersi
11/04/2024
Centrale Idroelettrica di Suviana: Cinque Morti, Cinque Feriti e Due Dispersi

L'esplosione seguita dall'incendio e dal crollo ha trasformato la centrale idroelettrica di Bargi, sulla sponda sud del bacino artificiale di Suviana, in una scena di caos e distruzione. Gli eventi hanno avuto luogo dalle 14:30 del 9 aprile, e da allora i soccorsi, inclusi Vigili del Fuoco e ambulanze, lavorano senza sosta.  Al momento, si continuano le ricerche dei due dispersi, sebbene le speranze di trovarli vivi si riducano col passare del tempo. L'esplosione sarebbe partita dalla turbina al piano interrato -8 dell'impianto Enel Green Power, dove si stavano svolgendo dei lavori. I soccorsi sono stati immediati, ma si sono riscontrati cinque vittime: Petronel Pavel Tanase, Mario Pisani, Vincenzo Franchina e Adriano Scandellari, le generalità della quinta vittima sono ancora ignote . Le salme sono state trasferite all'ospedale Maggiore di Bologna e poste sotto sequestro dall'Autorità giudiziaria. La dinamica esatta dell'esplosione è ancora poco chiara, ma sembra che alcuni lavoratori fossero al livello -8, dove l'esplosione li ha colpiti, mentre altri erano al livello sottostante -9, dove la stanza è stata allagata dai detriti del crollo. Questo non era un intervento di manutenzione, bensì di adeguamento della centrale, e l'esplosione è avvenuta durante la fase di collaudo. Le stanze colpite sono sotto il livello del lago artificiale, sommerse dall'acqua che continua ad aumentare, complicando le operazioni di soccorso. Le squadre di ricerca specializzate dovranno operare fino a 40 metri sotto terra, su una profondità totale della centrale di 70 metri, per recuperare i dispersi. Nelle prime ore successive all'incidente, sono state avanzate varie ipotesi, anche tra i lavoratori della centrale. Alcuni suggeriscono che durante i lavori di manutenzione dei turboalternatori potrebbe essere avvenuto un cedimento, causando un cortocircuito così potente da provocare l'esplosione della turbina e del trasformatore. Il prefetto di Bologna, Attilio Visconti, si è espresso a riguardo affermando: "Un'esplosione avvenuta durante i lavori di adeguamento della centrale, causata dall'alternatore di una turbina", aggiunge: “Bisogna indagare sui contenuti dell’appalto di revamping, perché quando si parla di turbina si intende di una serie di componenti che nel caso specifico hanno dimensioni imponenti perché parliamo di una delle centrali più importanti che abbiamo in Italia. Dimensioni, potenza e contenuti lì assumono un’altra scala”, prosegue: “C’è chi parla di manutenzione alla valvola rotativa, che non è la macchina idraulica, ma è nelle immediate vicinanze. Di fatto in un impianto idroelettrico c’è una forte interconnessione tra parti meccaniche e parti elettriche e le parti meccaniche sono alimentate da circuiti oleodinamiche che potenzialmente portano un fluido infiammabile. Oltre mi sembrerebbe poco prudente andare”. All'interno della centrale Enel di Suviana, "Potrebbe essersi verificato un cortocircuito, il quale avrebbe generato una grande quantità di calore, e in presenza di materiale infiammabile, potrebbe essere scoppiato un incendio", spiega il professor Francesco Ballio, docente di Ingegneria Idraulica presso il Politecnico di Milano. Tuttavia, la situazione potrebbe essere differente. "C'è chi sta suggerendo che durante la manutenzione del generatore turbina, questo fosse fermo", continua, "questo rappresenterebbe uno scenario completamente diverso, poiché in tale circostanza non ci sarebbe dovuta essere corrente, e quindi non avrebbe potuto verificarsi un cortocircuito". "A questo punto bisogna immaginarsi altro: esempio i tecnici stavano facendo una saldatura e c'erano delle bombole con del materiale infiammabile che sono esplose." "È uno scenario che potrebbe avvenire in qualsiasi cantiere, con l'aggravante che qui è avvenuto in una centrale a pozzo".  

Leggi tutto