Slide 1
Slide 2
Slide 2

Ingresso lavoratori stranieri: al via i corsi di formazione all'estero

I lavoratori extracomunitari formati all'estero possono entrare in Italia per scopi lavorativi al di fuori dei limiti imposti dal governo, come stabilito dal Decreto Legge 20/2023, noto come Decreto Cutro. Nel luglio del 2023, il Ministero del Lavoro ha pubblicato Linee Guida che definiscono i requisiti per i percorsi formativi professionali e civico-linguistici, affinché tale formazione sia considerata adeguata, e ha recentemente aggiornato le FAQ in materia. Queste indicazioni si rivolgono principalmente agli enti locali, agli Enti di Trasferimento di Servizio (ETS), alle organizzazioni e alle agenzie per il lavoro che intendono proporre e gestire tali programmi all'estero per agevolare l'ingresso in Italia di nuovi lavoratori formati per settori caratterizzati da difficoltà nella ricerca di personale.

Di seguito, esamineremo i principali aspetti della normativa:

1) Formazione professionale per l'ingresso in Italia: due aspetti

Il Decreto Cutro (D.L. 20/2023, convertito in Legge 50/2023) ha modificato l'articolo 23 del Testo Unico sull'Immigrazione (D.Lgs. 286/1998), consentendo l'ingresso in Italia al di fuori delle quote stabilite dal Decreto Flussi per i cittadini stranieri non comunitari che risiedono all'estero e hanno completato programmi di formazione professionale e civico-linguistica. Tuttavia, tali programmi devono essere approvati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Le Linee Guida specificano che questi corsi devono essere gratuiti e devono fornire ai partecipanti conoscenze specifiche relative a una professione o un'attività lavorativa, comprese nozioni di sicurezza e tutela della salute sul luogo di lavoro, nonché conoscenze linguistiche e civiche per agevolare l'integrazione sociale e culturale in Italia.

2) Formazione professionale per stranieri: beneficiari e organizzatori

I corsi sono destinati a cittadini stranieri residenti in Paesi terzi, apolidi e rifugiati presenti in Paesi Terzi di primo asilo o di transito. Gli organizzatori di tali programmi possono essere Regioni, Province autonome, altri Enti locali, organizzazioni nazionali dei datori di lavoro e dei lavoratori, organizzazioni internazionali ed intergovernative, enti e associazioni che operano nel settore dell'immigrazione, università, istituti di ricerca, operatori pubblici e privati accreditati, organizzazioni della società civile e altri soggetti senza scopo di lucro. Questi soggetti devono rispettare i requisiti stabiliti dal Decreto.

3) Formazione per l'ingresso di lavoratori stranieri: progetti e programmi

I progetti di formazione devono includere dettagli sui profili professionali, i settori di impiego, le modalità di selezione dei partecipanti, le attività di formazione, i requisiti, le risorse umane coinvolte, le risorse strumentali e le sedi operative. Inoltre, devono indicare le modalità di coordinamento con istituzioni e soggetti pubblici e privati locali, le fonti di finanziamento, le modalità di incontro tra domanda e offerta di lavoro in Italia e i metodi di valutazione e monitoraggio del percorso.

4) Ingresso dei lavoratori stranieri: presentazione dei progetti

Gli enti proponenti devono inviare i loro programmi di formazione professionale e civico-linguistica al Ministero del Lavoro, che sarà esaminato da una Commissione interministeriale. Durante la fase di avvio, dovrebbero comunicare l'elenco dei partecipanti, e qualsiasi modifica al programma approvato deve essere notificata al Ministero del Lavoro. Alla fine del percorso, dovrebbero comunicare l'elenco dei partecipanti che hanno completato con successo la formazione e presentare una relazione conclusiva.

5) Procedura di ingresso dopo la formazione professionale

I cittadini stranieri che hanno completato con successo il programma di formazione professionale e civico-linguistica possono richiedere l'ingresso e il soggiorno in Italia per lavoro subordinato. A tal fine, è necessario presentare una richiesta nominativa da parte di un datore di lavoro e una domanda di visto di ingresso entro sei mesi dalla conclusione del corso di formazione. Questo processo consente l'ingresso al di fuori delle quote di ingresso annuali stabilite dal governo.

 

Alcuni dei nostri clienti

News ed approfondimenti

Sicurezza sul Lavoro: Il Governo si confronta con Sindacati e Datori di Lavoro
26/02/2024
Sicurezza sul Lavoro: Il Governo si confronta con Sindacati e Datori di Lavoro

Nella Sala Verde di Palazzo Chigi si sono tenuti due incontri distinti tra il Governo e le rappresentanze sindacali e datoriali sul tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.  La delegazione governativa era composta dalla Ministra del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Calderone, e dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Alfredo Mantovano. Durante gli incontri, il Governo ha illustrato alle parti le nuove norme sulla sicurezza sul lavoro, evidenziando l'attenzione costante dell'Esecutivo a questo tema fin dal suo insediamento, con interventi specifici del Ministero del Lavoro. Si è inoltre confermato il proseguimento del dialogo avviato con le parti sociali sulla sicurezza. I dettagli delle misure saranno discussi nel Consiglio dei Ministri di oggi. La Ministra Calderone ha sottolineato l'aumento del numero di forze ispettive, che consentirà di incrementare del 40% l'attività investigativa nel 2024 rispetto all'anno precedente. Saranno inoltre sbloccate assunzioni e aperto un nuovo concorso per aumentare il personale ispettivo di varie entità, tra cui il nucleo ispettivo Carabinieri e il personale di Inps e Inail. Tra le priorità del Governo vi sono la qualificazione delle imprese e la formazione sia dei lavoratori che dei datori di lavoro, insieme alla salvaguardia delle imprese regolari tramite l'introduzione della Patente a crediti. Ai tavoli di discussione hanno partecipato rappresentanti delle principali organizzazioni sindacali e datoriali: Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Confasal, Cisal, Confintesa e Usb e al secondo quelli di Confcooperative, Legacoop, Ance, Casartigiani, CNA, Confapi, Confartigianato, Confindustria e Confimi Industria. Fonti: www.governo.it

Leggi tutto